Ultima modifica: 2 maggio 2016

La storia


IstCONTESTO SOCIO-ECONOMICO E FORMATIVO 
DELLA NOSTRA SCUOLA
CARATTERISTICHE GENERALI
 
Il Circolo didattico di Vallo comprende Vallo della Lucania e le frazioni di Pattano e Angellara.
Il territorio di Vallo capoluogo presenta un’economia varia per le intense attività legate particolarmente al terziario tradizionale ed avanzato: commercio, pubblico impiego, aziende turistiche ed agrituristiche.
Le frazioni di Massa, Pattano ed Angellara presentano un´economia legata in minima parte all’agricoltura, ad un modesto artigianato e alle attività collegate all’edilizia.
Il Circolo di Vallo richiama molti iscritti dai comuni limitrofi: pertanto si trova a dover rispondere alle esigenze di alunni che provengono da contesti culturali diversi.
Il Circolo di Vallo, trovandosi nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, si pone , come una scuola aperta sul territorio , ne interpreta gli impulsi culturali e agisce in sinergia con esso.
Pertanto è necessario che la scuola si senta investita di un ruolo ancora più determinante ai fini della formazione di coscienze aperte e sensibili verso le nuove problematiche dell´integrazione tra sviluppo e ambiente.
Tipologia dei nostri allievi e delle famiglie: l’età degli allievi è compresa tra i 3 e gli 11 anni con facoltà di anticipo per la classe 1^ della Scuola Primaria (L.53/2003) e per i bambini della scuola dell’infanzia.
I nostri alunni risiedono prevalentemente nel comune, anche se sono sempre più in aumento alunni che provengono da paesi limitrofi.
Tutti mostrano interessi culturali, ludici e sportivi (nuoto, calcio, palla a volo, tennis, musica, lingua straniera, lettura).
Da qualche anno sono sempre più frequenti le presenze sul territorio di extracomunitari e, anche se non in numero molto elevato, abbiamo a scuola bambini stranieri.
Le famiglie degli alunni frequentanti sono composte prevalentemente da genitori con un solo componente lavoratore, oppure con un componente lavoratore abituale e l´altro con lavoro stagionale.
Si evidenzia una buona partecipazione delle famiglie alla vita scolastica dei figli anche con il coinvolgimento di uno o entrambi i genitori nelle attività proposte dalla Scuola, secondo le esigenze.
 
Storia dell’edificio scolastico
Il Comune di Vallo della Lucania il 28 agosto del 1929 delibera “la Costruzione di un edificio ad uso di Scuola Elementare”. Nel documento si legge: “la Costruzione dell´edificio scolastico assolutamente s´impone, non potendo in questi progrediti tempi di civiltà consentire che più oltre la nostra non indifferente popolazione scolastica resti in ambienti inadatti e più non rispondenti a quelle che sono le direttive del Governo Nazionale, il quale, giustamente vuole che la scuola primaria, fondamento di future speranze, sia portata al massimo suo valore”.
Il progetto dell’edificio viene realizzato dall’architetto Gaetano Cimini, per la costruzione dello stesso viene designato la ditta Pisciotti Salvatore.
La scuola viene ubicata in un fondo denominato Disegno, espropriato ai signori Tipoldi e Pinto, nei pressi di piazza Lucana, oggi piazza Dei Martiri.
I lavori iniziano nel 1932 e terminano nel 1935.
L´edificio è di due piani, è fornito di una mensa scolastica gestita dal Patronato Scolastico.
Il primo piano viene riservato alle classi maschili, il secondo alle classi femminili.
Durante la seconda guerra mondiale la scuola elementare viene utilizzata come ricovero delle famiglie rimaste senza casa in seguito ai bombardamenti avvenuti nel rione Spio e San Pantaleo, e a queste si aggiungono anche altre famiglie di sfollati provenienti dalle i varie zone della Campania.
Alla fine della guerra l’edificio viene ristrutturato e riutilizzato come scuola.
Negli anni “50” nello spazio esterno dell´edificio vengono piantati numerosi alberi di acero in occasione della festa degli alberi.
In quegli anni la scuola si presenta così a Vallo Capoluogo esiste un edificio scolastico assai bello con aule spaziose, illuminate bene, piene di sole, edificio dagli ampi corridoi, libero nello spazio tutto verde che lo circonda …….
Ma le rimanenti sedi scolastiche offrono una visione che può non dare pena a chi vive nella scuola, a chi vede talvolta nelle aule scolastiche come soffocati i germogli della vita.
Piccole aule scolastiche, povere aule esistenti nei plessi dei Comuni, disseminati nelle numerose frazioni del Circolo …. ” (relazione della Direttrice Mozzilo Anna del 1952/53).
Negli anni sessanta la popolazione scolastica aumenta per cui viene realizzato un altro piano all’edificio già esistente.
Negli anni ottanta accanto alla scuola viene costruita una palestra. Attualmente l’edificio è stato ristrutturato in numerose parti, ad esso sono stati annessi altri spazi ricavati dall’edificio dell’ex tribunale.
Nel 2010 è stata creata la cucina con attrezzature moderne e all’avanguardia con una sala mensa che accoglie più di 200 alunni.
Le strutture attuali sono da considerarsi quasi ottimali.